FINALE DI STAGIONE AGRODOLCE PER LA I DIVISIONE DI ASSISI

Domenica 3 giugno è andato in scena l’ultimo atto della stagione per i colori rossoblù che vedeva contrapposte, sul campo neutro di Valtopina, le formazioni dell’ A.d.p. Iacact Sport4nonprofit Perugia e l’Assisi Volley.  Il campo ha decretato, come sempre, il vincitore e l’incontro è stato appannaggio della formazione perugina  che si è così assicurata la permanenza nel campionato di I divisione con il punteggio finale di 3 set a 1  (25-20 20-25 25-17 25-14).

Fermo restando il rispetto del risultato e i dovuti complimenti alla formazione vincitrice che si è aggiudicata, con merito,  il match spareggio - salvezza non ci si può esimere, tuttavia, dall’esprimere rammarico per le modalità con cui è maturato.

 

Certamente non fa parte del DNA dell’Assisi volley negare meriti all’avversario o contestare i risultati, certo è che il comportamento di  una società, come quella perugina, che provvede a tesserare ben 4 elementi (tutti con un passato nelle categorie di molto superiori) nella giornate immediatamente precedenti alla finale spareggio ha senza dubbio alterato il valore delle forze in campo, impedendo lo svolgimento di un incontro “ad armi pari” tra le due formazioni che si erano posizionate in coda nei rispettivi campionati. Comportamenti senza dubbio leciti ai sensi del regolamento Fipav ma che vedono sconfitto, a nostro giudizio,  il vero spirito dello sport .

Per quanto riguarda la formazione assisana certamente l’andamento di un campionato non può giudicarsi solo in base all’esito dell’ultima partita. Si è trattato di un campionato difficile dove una squadra, rinnovata nei suoi elementi e nella sua guida tecnica, ha avuto bisogno di un periodo di rodaggio per provare nuovi schemi tattici e metabolizzare i relativi meccanismi. E’ stata una stagione altalenante per i colori rossobù che ha visto la formazione assisana disputare partite bellissime (alcune anche vincenti) con le prime forze del campionato per poi cedere malamente con formazioni decisamente alla loro portata.

Ma certamente non può negarsi il netto miglioramento e la crescita tecnica vista nell’ultima parte del campionato che rende la società e tutto l’appassionato pubblico che le ha sempre seguite, soddisfatti dei miglioramenti fatti  e che fa ben sperare per la nuova stagione.

Al coach Alessandro Papini e alle atlete va il plauso del Presidente Piampiano per tutto quanto di buono fatto e per il comportamento sempre tenuto in campo e fuori, per il loro entusiasmo e per il loro sorriso che anche qualche episodio sfortunato non è riuscito a spegnere.

Alla luce di quanto visto in campo, sono sicuramente in debito con il destino ma siamo assolutamente certi che la prossima stagione, che senza ombra di dubbio vedrà ancora presenti i colori rossoblù,  il conto con la dea bendata sarà saldato e con gli interessi!